Circolare ASS 4 Medio Friuli

Ndr - il presente documento è stato inviato, unitamente alle competenze del mese di luglio 2001, senza circolare di presentazione dell'ASS 4.
Arbitrariamente, gli viene conferita la data dal 31.07.01 (data di ricevimento da parte del webmaster).


Regione Autonoma Friuli-Venezia Giulia

Direzione Regionale della Sanità e delle Politiche Sociali

Prot.: 12825/AMM.8

Trieste 12 giugno 2001

OGGETTO: D.M. 28 maggio 1999, n. 329, epatite cronica (attiva). Trattamento con interferone. Complicanze. Esecuzione esami. Esenzione dalla partecipazione alla spesa.

 

e, p.c,:

Un'Azienda sanitaria ha segnalato, alla scrivente Direzione, il caso di un assistito affetto da apatite cronica (attiva) - codice di esenzione 016 - allegato 1 - I parte, al D.M. n. 329/1999 - sottoposto a trattamento con Interferone, la cui somministrazione (non sostituibile con altro principio attivo) ha comportato complicanze che hanno reso e rendono indispensabile ripetere, più volte nel corso dello stesso anno, quegli esami che, di norma, stando alle previsioni contenute nell'anzidetto allegato 1, possono essere eseguiti, in esenzione dalla partecipazione alla spesa, una sola volta all'anno, prima del trattamento farmacologico.

L'anzidetta Azienda ha, quindi, interpellato questa Direzione per sapere se, nel caso rappresentato, si ritenga possibile estendere il diritto all'esenzione dalla partecipazione alla spesa fino a ricomprendervi gli esami che, a causa delle complicanze insorte durante la terapia con Interferone, fosse indispensabile eseguire più volte durante lo stesso anno.

Orbene, considerato che, nella fattispecie, il trattamento farmacologico, benchè abbia comportato delle complicazioni s'è rivelato, tuttavia, utile, né può, peraltro, essere sostituito, appare equo consentire ai malati di epatite cronica (attiva) che vengano a trovarsi nella situazione innanzi descritta, di poter fruire degli accertamenti contemplati nell'allegato 1 - I parte, codice identificativo 016, del D.M. n. 329/1999, anche più di una volta all'anno, sempre che, ovviamente, la loro effettuazione sia ritenuta proficua in base ad apposita valutazione ed idonea certificazione medica.

.Per quanto innanzi esposto, codeste Amministrazioni, in presenza di documentazione medica attestante la sussistenza delle condizioni che impongano la maggior frequenza degli esami in questione, disporranno che essi vengano eseguiti senza alcun onere a carico degli assistiti.

IL DIRETTORE REGIONALE
dott. Cesare de Simone