Legge 53/00 - articolo 25 - Tavolo di concertazione

Articolo 25 - Tavolo di concertazione

(Legge n°53, 8 marzo 2000)

1. Per l'attuazione e la verifica dei progetti contenuti nel piano di cui all'articolo 24, il sindaco istituisce un tavolo di concertazione, cui partecipano:

  1. il sindaco stesso o, per suo incarico, il responsabile di cui all'articolo 24, comma 2;

  2. il prefetto o un suo rappresentante;

  3. il presidente della provincia o un suo rappresentante;

  4. i presidenti delle comunità montane o loro rappresentanti;

  5. un dirigente per ciascuna delle pubbliche amministrazioni non statali coinvolte nel piano;

  6. rappresentanti sindacali degli imprenditori della grande, media e piccola impresa, del commercio, dei servizi, dell'artigianato e dell'agricoltura;

  7. rappresentanti sindacali dei lavoratori;

  8. il provveditore agli studi ed i rappresentanti delle università presenti nel territorio;

  9. i presidenti delle aziende dei trasporti urbani ed extraurbani, nonché i rappresentanti delle aziende ferroviarie.

2. Per l'attuazione del piano di cui all'articolo 24, il sindaco promuove accordi con i soggetti pubblici e privati di cui al comma 1.

3. In caso di emergenze o di straordinarie necessità dell'utenza o di gravi problemi connessi al traffico e all'inquinamento, il sindaco può emettere ordinanze che prevedano modificazioni degli orari.

4. Le amministrazioni pubbliche, anche territoriali, sono tenute ad adeguare gli orari di funzionamento degli uffici alle ordinanze di cui al comma 3.

5. I comuni capoluogo di provincia sono tenuti a concertare con i comuni limitrofi, attraverso la conferenza dei sindaci, la riorganizzazione territoriale degli orari. Alla conferenza partecipa un rappresentante del presidente della provincia.


articolo precedente // articolo successivo