Legge 40/04 - articolo 6: Consenso informato

Articolo 6 - Consenso informato

(Legge n. 40, 19 febbraio 2004)

1. Per le finalitÓ indicate dal comma 3, prima del ricorso ed in ogni fase di applicazione delle tecniche di procreazione medicalmente assistita il medico informa in maniera dettagliata i soggetti di cui all'articolo 5 sui metodi, sui problemi bioetici e sui possibili effetti collaterali sanitari e psicologici conseguenti all'applicazione delle tecniche stesse, sulle probabilitÓ di successo e sui rischi dalle stesse derivanti, nonchŔ sulle relative conseguenze giuridiche per la donna, per l'uomo e per il nascituro. Alla coppia deve essere prospettata la possibilitÓ di ricorrere a procedure di adozione o di affidamento ai sensi della legge 4 maggio 1983, n. 184, e successive modificazioni, come alternativa alla procreazione medicalmente assistita. Le informazioni di cui al presente comma e quelle concernenti il grado di invasivitÓ delle tecniche nei confronti della donna e dell'uomo devono essere fornite per ciascuna delle tecniche applicate e in modo tale da garantire il formarsi di una volontÓ consapevole e consapevolmente espressa.

2. Alla coppia devono essere prospettati con chiarezza i costi economici dell'intera procedura qualora si tratti di strutture private autorizzate.

3. La volontÓ di entrambi i soggetti di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita Ŕ espressa per iscritto congiuntamente al medico responsabile della struttura, secondo modalitÓ definite con decreto dei Ministri della giustizia e della salute, adottato ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. Tra la manifestazione della volontÓ e l'applicazione della tecnica deve intercorrere un termine non inferiore a sette giorni. La volontÓ pu˛ essere revocata da ciascuno dei soggetti indicati dal presente comma fino al momento della fecondazione dell'ovulo.
(vedi ordinanza del tribunale di Firenze 382/2008 , ordinanza tribunale di Milano 235/09, ordinanza tribunale di Milano 236/09, ordinanza della Corte costituzionale 97/10, ordinanza del tribunale di Firenze del 07.12.12, sentenza della Corte Costituzionale 22 marzo - 13 aprile 2016 - ndr)

4. Fatti salvi i requisiti previsti dalla presente legge, il medico responsabile della struttura pu˛ decidere di non procedere alla procreazione medicalmente assistita, esclusivamente per motivi di ordine medico-sanitario. In tale caso deve fornire alla coppia motivazione scritta di tale decisione.

5. Ai richiedenti, al momento di accedere alle tecniche di procreazione medicalmente assistita, devono essere esplicitate con chiarezza e mediante sottoscrizione le conseguenze giuridiche di cui all'articolo 8 e all'articolo 9 della presente legge.


articolo precedente // articolo successivo