Decreto legislativo 52/97 - articolo 26: Commissione consultiva

Articolo 26 - Commissione consultiva

(Decreto legislativo n░ 52, 3 febbraio 1997)

1. Presso il Ministero della sanitÓ Ŕ istituita una commissione consultiva composta dai seguenti membri o dai loro sostituti:

  1. il dirigente generale del dipartimento prevenzione del Ministero della sanitÓ che la presiede;
  2. un rappresentante del Ministero della sanitÓ esperto di problematiche concernenti la classificazione, l'Imballaggio e l'etichettatura di sostanze pericolose;
  3. un rappresentante dell'unitÓ di notifica;
  4. due rappresentanti del Ministero dell'industria, del commercio e dell'artigianato, di cui uno esperto di problematiche di produzione industriale ed uno esperto di problematiche di tutela dei consumatori;
  5. due rappresentanti del Ministero dell'interno, di cui uno esperto di problematiche di pubblica sicurezza ed uno di problematiche di protezione civile e sicurezza antincendi;
  6. un rappresentante del Ministero del lavoro e della previdenza sociale esperto di problematiche inerenti la sicurezza nell'ambiente di lavoro;
  7. due rappresentanti del Ministero dell'ambiente, di cui uno esperto in problematiche sui rischi per l'ambiente ed uno esperto di problematiche sulla tutela del suolo;
  8. un rappresentante del Ministero dell'universitÓ e della ricerca scientifica e tecnologica esperto di problematiche connesse con la ricerca scientifica;
  9. un rappresentante del Ministero delle risorse agricole, alimentari e forestali esperto in problematiche di produzione agricola.

2. Per lo svolgimento dei lavori, la commissione pu˛ organizzarsi in sottogruppi ed avvalersi dell'opera di enti o di istituti pubblici di ricerca e di esperti secondo la legislazione vigente.

3. Le funzioni di segreteria sono svolte a cura del Ministero della sanitÓ.

4. I componenti la commissione durano in carica quattro anni e possono essere riconfermati.

5. La commissione consultiva:

  1. esprime pareri su problematiche inerenti le sostanze ed i preparati pericolosi nonchŔ su quelle in discussione in sede comunitaria ed internazionale;
  2. esprime pareri sulle eventuali richieste specifiche sottopostele dall'unitÓ di notifica;
  3. esprime pareri sulle richieste specifiche sottopostele dal Ministero della sanitÓ anche a seguito di richieste avanzate dai notificanti in relazione alle decisioni assunte dall'unitÓ di notifica;
  4. promuove, ove lo ritenga necessario, la richiesta del parere del Consiglio superiore di sanitÓ, della Commissione consultiva tossicologica nazionale o di altro ente o istituto di ricerca pubblico.

6. Con regolamento interno, da emanarsi con decreto del Ministro della sanitÓ entro tre mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto, sono disciplinate le modalitÓ procedurali ed organizzative della commissione.

7. La commissione di cui al comma 1 sostituisce quella prevista all'articolo 10 del decreto del Presidente della Repubblica 24 novembre 1981, n. 927.


articolo precedente // articolo successivo