Decreto-legge 18/20 - articolo 1: Finanziamento aggiuntivo per incentivi in favore del personale dipendente del Servizio sanitario

  Articolo 1 - Finanziamento aggiuntivo per incentivi in favore del personale dipendente del Servizio sanitario nazionale

(convertito, con modificazioni, dalla legge 27/20; si consiglia la consultazione del testo coordinato - ndr)

(Decreto-legge n. 18, 17 marzo 2020)

1. Per l’anno 2020, allo scopo di incrementare le risorse destinate alla remunerazione delle prestazioni di lavoro straordinario del personale sanitario dipendente delle aziende e degli enti del Servizio sanitario nazionale direttamente impiegato nelle attivitā di contrasto alla emergenza epidemiologica determinata dal diffondersi del COVID-19, i fondi contrattuali per le condizioni di lavoro della dirigenza medica e sanitaria dell'area della sanitā e i fondi contrattuali per le condizioni di lavoro e incarichi del personale del comparto sanitā sono complessivamente incrementati, per ogni regione e provincia autonoma, in deroga all'articolo 23, comma 2, del decreto legislativo 25 maggio 2017, n. 75, dell’importo indicato per ciascuna di esse nella tabella di cui all’allegato A che costituisce parte integrante del presente decreto.

2. Per l’attuazione del comma 1 č autorizzata la spesa di 250 milioni di euro a valere sul finanziamento sanitario corrente stabilito per l’anno 2020. Al relativo finanziamento accedono tutte le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, in deroga alle disposizioni legislative che stabiliscono per le autonomie speciali il concorso regionale e provinciale al finanziamento sanitario corrente, sulla base delle quote d'accesso al fabbisogno sanitario indistinto corrente rilevate per l'anno 2019 e per gli importi indicati nella tabella di cui all’allegato A.

3. Per le finalitā di cui all’articolo 1, commi 1 lettera a) e 6, del decreto legge 9 marzo 2020, n. 14, č autorizzata l’ulteriore spesa di 100 milioni di euro, a valere sul finanziamento sanitario corrente stabilito per l’anno 2020, nei limiti degli importi indicati nella tabella di cui all’allegato A.


premessa // articolo successivo