DMS 26.02.24 - premessa

  Premessa

(Decreto del Ministero della Salute, 26 febbraio 2024)

IL DIRETTORE GENERALE
della prevenzione sanitaria

Vista la legge 13 novembre 2009, n. 172, recante «Istituzione del Ministero della salute e incremento del numero complessivo dei Sottosegretari di Stato»;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri n. 59 dell'11 febbraio 2014, concernente il «Regolamento di organizzazione del Ministero della salute»;

Visto il decreto 8 aprile 2015, concernente l'individuazione degli uffici dirigenziali di livello non generale del Ministero della salute;

Visti gli articoli 28 e 29-ter del regolamento per la sanità marittima, approvato con regio decreto 29 settembre 1895, n. 636 e successive modifiche, recanti disposizioni per il rilascio rispettivamente dell'autorizzazione all'imbarco quale medico di bordo e dell'attestato di iscrizione nell'elenco dei medici di bordo supplenti;

Visto che ai sensi dell'art. 37-bis del ricordato regio decreto n. 636/1895 sono previsti periodici atti di revisione, con intervalli non superiori a cinque anni, per il rinnovo della originaria autorizzazione all'imbarco quale medico di bordo e dell'attestato di iscrizione nell'elenco dei medici di bordo supplenti;

Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 luglio 2023, registrato dalla Corte dei conti in data 18 luglio 2023, al n. 2079, con il quale è stato conferito al dott. Francesco Vaia l'incarico di direttore generale della prevenzione sanitaria del Ministero della salute;

Visto il decreto ministeriale 3 gennaio 2024, recante la disciplina transitoria dell'assetto organizzativo del Ministero della salute previsto dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 30 ottobre 2023, n. 196 ed in particolare gli articoli 1, comma 1 e 2, comma 2;

Visto il decreto dirigenziale 3 marzo 2023, con il quale è stata avviata la procedura di revisione generale delle autorizzazioni all'imbarco quale medico di bordo e degli attestati di iscrizione nell'elenco dei medici di bordo supplenti;

Considerato che alla scadenza prevista dal d.d. del 3 marzo 2023 per la partecipazione alla procedura di revisione generale risultano pervenute n. 127 domande;

Considerato che, a seguito delle precedenti revisioni e delle nuove iscrizioni, i medici di bordo abilitati e supplenti iscritti nei relativi elenchi ammontavano, alla fine del 2023, a 1866 unità;

Considerato pertanto che il differenziale tra il numero degli attuali iscritti e quelli che hanno chiesto la revisione per mantenere l'iscrizione nei detti elenchi può comportare una cospicua riduzione degli iscritti, con conseguenti difficoltà a rispondere alle domande di reclutamento da parte delle compagnie di navigazione interessate;

Considerato che la carenza dei medici da destinare ai servizi di bordo, come più volte rappresentata dalle associazioni di categoria, impone l'esigenza di garantire l'iscrizione nei relativi elenchi del maggior numero possibile di medici autorizzati ed abilitati;

Considerato che la riapertura dei termini risponde alla necessità di evitare che, a causa della mancata partecipazione alla procedura di medici già in possesso dell'attestato, l'elenco dei medici supplenti subisca una riduzione di iscritti incompatibile con tale esigenza;

Tenuto conto, altresì, di dover consentire la partecipazione alla procedura anche ai medici di bordo che si sono trovati nell'impossibilità di presentare la domanda in quanto imbarcati nel periodo di espletamento della loro attività al di fuori delle acque territoriali;

Decreta:


articolo successivo