Molise - Legge 17/07 - articolo 2: Contributi

Articolo 2 - Contributi

(Regione Molise - legge n░ 17, 20 giugno 2007)

1. Per le finalitÓ di cui all'Art. 1, l'Azienda sanitaria regionale del Molise (A.S.Re.M.) rimborsa al cittadino in attesa di trapianto, o che ha giÓ subito trapianto, e al cittadino affetto da patologia rara, se riconosciuta tale dal Ministero della salute, le spese di cui al comma 2 sostenute in conseguenza di ricoveri presso strutture sanitarie pubbliche in Italia o all'estero dovuti a:
(sostituito dall'articolo 2 della legge  regionale 23/08 - ndr)

a) esami preliminari ed esami per la tipizzazione tissutale;

b) intervento di trapianto;

c) tutti i controlli successivi nonchŔ quelli derivanti dalle complicanze dell'intervento stesso se non effettuabile in Regione;

d) trattamenti sanitari nel caso di patologie rare;

e) eventuale espianto da donatore.

2. La A.S.Re.M. rimborsa all'assistito ed all'eventuale accompagnatore nonchŔ al donatore ed al suo eventuale accompagnatore, purchŔ adeguatamente documentate:

a) le spese sostenute per il viaggio, compreso il mezzo aereo. In caso di utilizzazione di autovettura privata Ŕ corrisposto un rimborso pari ad 1/5 del costo, vigente nel tempo, della benzina super per ogni chilometro percorso, nonchŔ il rimborso delle spese sostenute per il pagamento dei documentati pedaggi autostradali. Il rimborso chilometrico Ŕ calcolato sulla pi¨ breve distanza viaria possibile tra il luogo di residenza dell'assistito e quello dove Ŕ ubicata la struttura sanitaria di ricovero;

b) le spese di soggiorno, sostenute nella localitÓ sede della struttura sanitaria, nelle seguenti misure:

1) per i pazienti che si recano presso strutture sanitarie italiane fino ad un massimo di euro 120 al giorno;

2) per i pazienti che si recano presso strutture sanitarie estere fino ad un massimo di euro 200 al giorno, comprese anche le spese di inteprete, trasporto per gli spostamenti nelle cittÓ estere di soggiorno e le spese telefoniche;

c) le spese, in caso di decesso del paziente nel luogo di cura estero, per la traslazione delle spoglie nella misura massima di euro 3.000,00.

3. Al fine dell'ottenimento del rimborso, l'accompagnatore Ŕ consentito:

a) per tutti i pazienti minorenni;

b) in tutti i casi di legge in cui Ŕ previsto l'accompagnamento.

4. In tutti gli altri casi il rimborso per l'eventuale accompagnatore Ŕ subordinato a comprovate esigenze cliniche che devono essere certificate dalla struttura sanitaria di ricovero per chi si reca in Italia, mentre per chi si reca all'estero la necessitÓ di un accompagnatore deve risultare dal modello E112.

5. Possono presentare richiesta di anticipazione, nella misura massima dell'80% sul prevedibile contributo loro spettante, i cittadini trapiantati cui la competente struttura sanitaria abbia prescritto un ciclo di cura di durata predeterminata.


articolo precedente // articolo successivo