Piemonte - Legge 15/11 - articolo 5: Attivitą funebre

  Articolo 5 - Attivitą funebre

(Regione Piemonte - legge n° 15, 3 agosto 2011)

1. Ai fini della presente legge, per attivitą funebre si intende un servizio che comprende e assicura in forma congiunta le seguenti prestazioni:

a) disbrigo delle pratiche amministrative inerenti il decesso, su mandato dei familiari;

b) vendita di casse mortuarie e altri articoli funebri;

c) trasferimento durante il periodo di osservazione e trasporto di cadavere, di ceneri e di resti mortali.

2. Le imprese pubbliche o private che intendono svolgere attivitą funebre presentano una segnalazione certificata di inizio attivitą, con efficacia immediata, ai sensi dell' art. 19, comma 2, della legge 7 agosto 1990, n. 241 (Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi), al comune in cui ha sede commerciale l'impresa. La segnalazione certificata di inizio attivitą deve essere corredata della documentazione e delle autocertificazioni in ordine al possesso dei requisiti individuati nel regolamento di cui all'art. 15.

3. Il conferimento dell'incarico e la negoziazione degli affari inerenti l'attivitą funebre non possono essere svolti all'interno di strutture sanitarie di ricovero e cura pubbliche e private, obitori e depositi di osservazione.

4. Il personale delle imprese esercenti l'attivitą funebre deve essere in possesso di sufficienti conoscenze teorico-pratiche. L'etica professionale di tutti i soggetti che agiscono all'interno del settore delle onoranze funebri deve uniformarsi ai principi del codice deontologico di cui all'art. 6, comma 5.

5. I comuni sono tenuti a informare la cittadinanza riguardo alle differenti forme di sepoltura o cremazione e alle tariffe ad esse applicate nonchč a pubblicare l'elenco delle imprese autorizzate operanti nel proprio territorio, in conformitą a quanto previsto nel regolamento di cui art. 15.


articolo precedente // articolo successivo