Friuli - Legge 17/14 - articolo 39: Reti di patologia

  Articolo 39 - Reti di patologia

(Regione Friuli Venezia Giulia - legge regionale n. 17, 16 ottobre 2014)

(legge abrogata dall'articolo 71 della legge regionale 22/2019 - ndr)

1. Le reti di patologia sono reti professionali che integrano l'attivitą ospedaliera per acuti e post acuti con l'attivitą distrettuale e/o integrano le diverse attivitą territoriali distrettuali, sovra distrettuali o sovra aziendali, con l'obiettivo di assicurare la continuitą assistenziale e definire modalitą di presa in carico e trattamento dei pazienti su tutto il territorio regionale, facendo partecipare attivamente anche i rappresentanti di cittadini o pazienti, per favorire una umanizzazione dei percorsi dell'assistenza e una modalitą organizzativa dei servizi coerente con i loro bisogni di assistenza.

2. Le reti di patologia assicurano il costante confronto tra i professionisti che operano nel Servizio sanitario regionale e svolgono i seguenti compiti:

a) definiscono le modalitą di trattamento appropriate per le diverse tipologie di casistica, secondo le migliori evidenze scientifiche;

b) facilitano la diffusione delle competenze anche attraverso iniziative di formazione;

c) partecipano alle iniziative di valutazione delle tecnologie d'interesse;

d) assicurano la continuitą assistenziale tramite raccordi professionali fra le strutture presenti nel territorio della regione;

e) implementano strumenti informativi comuni per consentire il lavoro in rete delle strutture regionali;

f) assicurano i flussi informativi regionali e nazionali;

g) monitorano la sostenibilitą professionale delle strutture regionali per determinate attivitą;

h) valutano, anche attraverso azioni di benchmark, i livelli di qualitą erogati dalle strutture regionali, compresi gli esiti previsti dal programma nazionale;

i) valutano, anche attraverso azioni di benchmark, la congruitą dei costi sostenuti dalle singole strutture regionali, in rapporto all'attivitą espletata.

3. Le principali reti di patologia sono le seguenti:

a) emergenze cardiologiche;

b) ictus ed emorragia cerebrale;

c) trauma;

d) bronco-pneumopatia cronico ostruttiva;

e) cure palliative e terapia del dolore;

f) demenze;

g) diabete e nutrizione clinica;

h) insufficienze d'organo e trapianti;

i) malattia oncologica;

j) malattia reumatica;

k) malattie rare e patologie connatali o ad esordio in etą evolutiva che determinano disabilitą persistente;

l) esordi psichiatrici e disturbi del comportamento alimentare in etą evolutiva ed etą adulta;

m) comorbilitą tra disturbi psichiatrici e dipendenze;

n) stati vegetativi e di minima coscienza;

o) altre di interesse epidemiologico-organizzativo.

4. L'organizzazione delle reti di patologia viene definita con deliberazione della Giunta regionale.


articolo precedente // articolo successivo