Friuli - Legge 17/14 - articolo 7: Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi

  Articolo 7 - Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi

(Regione Friuli Venezia Giulia - legge regionale n. 17, 16 ottobre 2014)

(abrogato dalla legge regionale 27/18, articolo 16, comma 2, lettera c) - ndr)

1. Al fine di migliorare l'efficienza e l'efficacia del Servizio sanitario regionale, a decorrere dal 1° gennaio 2015 č istituito l'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi, con sede legale a Udine.

2. L'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi č dotato di personalitą giuridica pubblica ed č disciplinato dalle vigenti disposizioni di legge concernenti le aziende unitą sanitarie locali di cui al decreto legislativo 502/1992 .

3. L'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi svolge, per conto degli enti del Servizio sanitario regionale, anche su indicazione della Regione, funzioni di aggregazione della domanda e centrale di committenza per l'acquisizione di beni e servizi, nonchč funzioni accentrate di supporto tecnico, amministrative e gestionali.

4. Le funzioni accentrate amministrative consistono nelle attivitą finalizzate agli acquisti di beni e servizi, allo svolgimento di funzioni di stazione appaltante dei lavori pubblici e all'attivitą amministrativa standardizzata inerente al personale, ivi compresa la formazione.

5. Le funzioni accentrate gestionali riguardano la logistica del servizio di magazzino e le altre attivitą individuate con le modalitą indicate al comma 7.

6. Le funzioni accentrate di supporto tecnico sono svolte in favore degli enti del Servizio sanitario regionale e della funzione di programmazione della Direzione centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia.

7. La Giunta regionale individua in dettaglio le funzioni di cui ai commi 3, 4, 5 e 6, nonchč le date a decorrere dalle quali le funzioni stesse sono svolte in via esclusiva dall'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi e riferisce annualmente alla Commissione consiliare competente sull'attivitą dell'ente.

8. Il direttore generale dell'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi svolge le proprie funzioni coadiuvato dai direttori amministrativo e sanitario di cui all'art. 3 del decreto legislativo n. 502/1992. Ai fini della programmazione strategica delle relative attivitą, il direttore generale č affiancato da un comitato di indirizzo che, con regolamento interno, definisce le proprie modalitą operative. Il comitato di indirizzo č composto dal direttore centrale salute, integrazione sociosanitaria, politiche sociali e famiglia, che lo presiede, e dai direttori generali degli enti del Servizio sanitario regionale, o loro delegati. Le decisioni del comitato di indirizzo sono recepite dagli enti del Servizio sanitario regionale.

9. L'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi č dotato di personale proprio, cui viene applicata la disciplina giuridica, economica e previdenziale del personale del Servizio sanitario nazionale.

10. Il direttore generale dell'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi definisce l'organizzazione aziendale, mediante l'adozione della proposta di atto aziendale di cui all'art. 3, comma 1-bis, del decreto legislativo n. 502/1992.

11. Le funzioni svolte dall'Azienda ospedaliero-universitaria "Santa Maria della Misericordia" di Udine tramite il Dipartimento Servizi Condivisi sono trasferite all'Ente per la gestione accentrata dei servizi condivisi, che subentra nella titolaritą dei rapporti giuridici attivi e passivi, ivi compresi i rapporti di lavoro, in continuitą e neutralitą con le funzioni precedentemente svolte.


articolo precedente // articolo successivo