P.Q.M.

(Ricorso 7 giugno 2013)

Ricorre alla ecc.ma Corte costituzionale affinchè la stessa voglia dichiarare - in accoglimento delle suesposte censure - la illegittimità costituzionale dell'articolo 1, commi 1, 2 e 3, della legge Regionale Calabria 29 marzo 2013, n. 12, recante «Provvedimenti per garantire la piena funzionalità del Servizio Sanitario regionale», pubblicata sul B.U.R. Calabria n. 7 del 5 aprile 2013, per contrasto con i seguenti parametri costituzionali: articolo 117, terzo comma, ed articolo 120 Cost.; articolo 117, secondo comma, lett. l), Cost.; articoli 3 e 97 Cost.; per le ragioni e nei termini dettagliati nel corpo del presente ricorso.

Si deposita la seguente documentazione:

1) copia autentica dell'estratto del verbale relativo alla deliberazione del Consiglio dei Ministri del 24 maggio 2013, con allegata relazione;

2) copia della Legge Regionale Calabria 29 marzo 2013, n. 12, recante «Provvedimenti per garantire la piena funzionalità del Servizio Sanitario regionale», pubblicata sul B.U.R. Calabria n. 7 del 5 aprile 2013;

3) copia della delibera in data 30 luglio 2010 del Consiglio dei Ministri, di nomina del Commissario ad acta per la realizzazione del Piano di rientro relativo alla Regione Calabria;

4) copia del Piano di razionalizzazione e riqualificazione del Servizio Sanitario Regionale della Regione Calabria;

5) verbali delle riunioni congiunte in data 4 aprile 2012 e 8 aprile 2013 dei Tavoli di monitoraggio (Tavolo tecnico per la verifica degli adempimenti regionali e Comitato permanente per la verifica dell'erogazione dei livelli essenziali di assistenza) per l'attuazione dei piani di rientro sanitari regionali.

Roma, addì 29 maggio 2013

L'Avvocato dello Stato: Caselli