Circolare ASS 4 Medio Friuli

21.09.04; prot. 82910/D.S.; da: Dipartimento di Prevenzione (dr. Giorgio Brianti)

Responsabili: dr.ssa D. Gnesutta, Dr. G. Pitzalis

Oggetto: Campagna di vaccinazione antinfluenzale 2004-2005. Tipologia vaccino

AI Medici di Medicina Generale

Loro Sedi

Come lo scorso anno, all'atto del ritiro del vaccino riceverete la quota relativa ai vaccini destinati agli ultra65 tutta in vaccino adiuvato. Tale scelta è stata fatta per garantire una migliore risposta sia in qualità che in durata, visto l'andamento del picco epidemico molto tardivo della scorsa stagione (che non cambia comunque l'indicazione all'epoca di vaccinazione, dalla seconda metà di ottobre, che non deve essere posticipata, in quanto non sappiamo l'arrivo dell'epidemia, legato anche a fattori climatici).

- Il vaccino che si è aggiudicato la gara per l'adiuvato è il vaccino antinfluenzale inattivato (antigene di superficie - subunit) adiuvato virosomale: tale vaccino deve essere destinato ai pazienti anziani ma, a differenza del vaccino utilizzato lo scorso anno, può essere utilizzato in tutte le classi di età, anche nei bambini (al di sopra dei sei mesi). E' indicato soprattutto nelle persone che hanno minore risposta immunitaria.

- L'altro vaccino che vi forniremo per le altre categorie a rischio è un vaccino sempre con i soli antigeni di superficie (subunit). Vi ricordiamo che come scritto anche nella circolare ministeriale, che i vaccini subunit danno minori reazioni: questi ultimi vaccini, infatti, sono da preferire per l'immunizzazione di bambini e di soggetti che abbiano presentato evidenti fenomeni di reazione in occasione di precedenti vaccinazioni con vaccino antinfluenzale intero.

- Lo schema raccomandato per la vaccinazione antinfluenzale è il seguente:

ETA' VACCINO MODALITÀ DI SOMMINISTRAZIONE

da 6 mesi split o sub-unità ½ dose (0,25 ml) ripetuta a distanza di almeno 4 settimane
a 35 mesi per bambini che vengono vaccinati per la prima volta
da 3 anni split o sub-unità 1 dose (0,50 ml), ripetuta a distanza di almeno 4 settimane
a 12 anni per bambini che vengono vaccinati per la prima volta
oltre 12 anni intero, split o sub-unità 1 dose (0,50 ml)

Poiché la maggior parte della popolazione è stata, con tutta probabilità, infettata dai virus influenzali A(H3N2), A(H1N1) e B nel corso degli ultimi anni, una sola dose di vaccino antinfluenzale è sufficiente per i soggetti di tutte le età, con esclusione dell'età infantile.

Per i bambini al di sotto dei 12 anni di età, mai vaccinati in precedenza, si raccomandano due dosi appropriate per l'età di vaccino antinfluenzale, da somministrare a distanza di almeno quattro settimane per assicurare una soddisfacente risposta immunitaria; la seconda dose di vaccino dovrebbe preferibilmente essere somministrata entro la fine di novembre, primi giorni di dicembre.

- All'atto della fornitura del vaccino, a richiesta, vi forniremo inoltre dei cartellini di vaccinazione da rilasciare agli interessati dove registrare sia la vaccinazione antinfluenzale sia la vaccinazione antipneumococcica. In tali cartellini abbiamo previsto anche lo spazio per l'antitetanica, in modo da avere un unico documento per le vaccinazioni dell'adulto: ovviamente voi potete utilizzarle anche per le vostre somministrazioni di solo vaccino antitetanico per gli altri pazienti adulti.

Cordiali saluti

Il Responsabile del Dipartimento di Prevenzione
Dr. Giorgio Brianti