(Allegato alla circolare ASS 4 del 29.06.05)

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Direzione Regionale della Sanità e della Protezione Sociale

Prot. 11879SPS/farm.2.4.6

Ref.: Francesca Tosolini

Oggetto: DGR n.1253 del 30 maggio 2005 avente ad oggetto "Modalità di erogazione a carico del SSR degli ausili per l'autocontrollo della glicemia a favore di pazienti affetti da diabete mellito"

Trieste, 3 giugno 2005

LORO SEDI

Con la delibera in oggetto (vedi Allegato), è stata regolamentata l'erogazione a carico del SSR degli ausili per l'autocontrollo della glicemia a favore di pazienti affetti da diabete mellito.

In particolare, sulla base delle "Raccomandazioni sull'uso dell'autocontrollo domiciliare della glicemia" elaborate dall'Associazione Medici Diabetologi e dalla Società Italiana di Diabetologia, nell'ambito di un gruppo di lavoro istituito a livello regionale, sono state individuate quattro classi di soggetti diabetici:

1) Soggetti in trattamento insulinico intensivo.

2) Soggetti in terapia insulinica convenzionale (1 o 2 somministrazioni di insulina /die) o mista (insulina + ipoglicemizzanti orali).

3) Soggetti in terapia ipoglicemizzante con farmaci secretagoghi (tutte le sulfaniluree da sole o in associazione con biguanidi, oppure le glinidi).

4) Soggetti in trattamento con sola dieta o con farmaci non secretagoghi (biguanidi).

Tenuto conto del numero giornaliero raccomandato di controlli glicemici per i soggetti di cui sopra, il quantitativo mensile di strisce per l'autocontrollo della glicemia erogabili a carico del Servizio Sanitario è stato determinato per ogni paziente a seconda della terapia antidiabetica in atto, come di seguito indicato per ognuna delle 4 classi:

Classe 1: Numero massimo di strisce per mese: illimitato

Classe 2: Numero massimo di strisce per mese: 75

Classe 3: Numero massimo di strisce per mese: 25

Per gli assistiti afferenti alle Classi 2 e 3 è comunque concesso un numero mensile illimitato di strisce in presenza o di un diabete in compenso labile o di malattie intercorrenti incidenti sull'andamento del diabete e solo per periodi limitati di tempo, fino alla risoluzione del fatto. In tal caso il medico indicherà sulla ricetta la dicitura "MOTIVATO", senza cambiare classe.

Sulla ricetta dovrà pertanto essere riportata la classe (1-3), nello spazio sottostante a quello previsto per il codice fiscale e a fianco di quello relativo alla Azienda Sanitaria/Provincia di competenza dell'assistito. Per facilitare la lettura ottica delle ricette si raccomanda di indicare il numero a destra. In caso di erogazione di un numero di strisce superiore a quello fissato, sarà sufficiente indicare comunque il numero relativo alla classe e apporre la dicitura "motivato".

Classe 4: Nei soggetti affetti da diabete appartenenti a questa classe, l'efficacia dell'autocontrollo della glicemia non è ad oggi dimostrata e pertanto le strisce per la glicemia, non sono concedibili a carico del Servizio Sanitario. Nel caso il cui il diabetologo o il medico curante ritenessero necessario prescrivere, solo per brevi periodi, un controllo periodico della glicemia, l'Azienda per i Servizi Sanitari di residenza del paziente fornirà GRATUITAMENTE al paziente tutti gli ausili necessari.

Nel caso del diabete gestazionale, in cui è indicato l'autocontrollo domiciliare della glicemia per decidere quando iniziare la terapia insulinica, la frequenza dei controlli e quindi il numero di strisce mensili deve essere decisa dal diabetologo o dal medico curante in relazione alle singole situazioni cliniche. Sulla ricetta dovrà essere indicata l'esenzione per gravidanza, nell'apposito campo delle esenzioni per patologia/servizio/invalidità.

Modalità di prescrizione delle strisce
Prescrizione del diabetologo o del medico curante, che specificherà sulla ricetta la tipologia del paziente diabetico (Classe 1 ÷3) e il quantitativo e la tipologia di strisce, fino ad un massimo di terapia di 60 giorni. 

Modalità di prescrizione degli altri ausili (es. siringhe e aghi): Prescrizione del diabetologo o del medico curante per un quantitativo coerente con il fabbisogno (es. numero di aghi pari a quello delle strisce), fino ad un massimo di 60 giorni di trattamento.

Al fine di evitare possibili interferenze con lo schema terapeutico-diagnostico impostato dal medico curante o dal diabetologo, è opportuno raccomandare che le farmacie convenzionate si astengano dal fornire gratuitamente i glucometri. Le farmacie saranno progressivamente inserite, quali punti della rete assistenziale per il paziente diabetico, secondo accordi e condivisioni di percorsi.
In generale, comunque, si raccomanda la prescrizione di un unico tipo di strisce.

La presente deliberazione entrerà in vigore a decorrere dal 15.06.2005; tuttavia è prevista una fase transitoria di sei mesi in cui le prescrizioni potranno avvenire secondo la modalità attualmente vigenti (prescrizioni mensili senza tetti). Si raccomanda che tale fase interessi solo quei pazienti per i quali un cambiamento delle modalità di attuazione dell'autocontrollo della glicemia necessiti di opportuni e più prolungati percorsi educazionali.

Le Aziende Sanitarie sono invitate a dare ampia diffusione alla presente comunicazione a tutti i sanitari interessati nonché ai centri/servizi di diabetologia.

A disposizione per eventuali chiarimenti, si porgono distinti saluti.

IL DIRETTORE CENTRALE
dott. Cesare de Simone