Circolare ASS 4 Medio Friuli

23.09.08; prot. n. 86486/DA.1; da: Dipartimento di Prevenzione - Nucleo Operativo Profilassi Malattie Infettive

Referente: dott.ssa Tolinda Gallo

Oggetto: vaccinazione anti papillomavirus (HPV)

LORO SEDI.

Con la presente si comunica che con la fine di settembre parte in tutta l'Azienda sanitaria la campagna di vaccinazione anti papillomavirus.

Le ragazze appartenenti al gruppo target verranno invitate alla vaccinazione presso le sedi vaccinali, tramite lettera con appuntamento, così come avviene per le altre vaccinazioni.

Per dovuta conoscenza si comunica che con Delibera della giunta Regionale n. 856 del 15 maggio 2008 (allegata) è stato approvato il Programma Regionale di vaccinazione anti papillomavirus al fine di prevenire lo sviluppo del tumore del collo dell'utero.

Il programma regionale prevede:

a) di vaccinare le ragazze adolescenti dal 12° al 16° anno secondo il seguente calendario:

anno 2008: coorti di nascita 1997 e 1993
anno 2009: coorti di nascita 1998 e 1994
anno 2010: coorti di nascita 1999 e 1995
anno 2011: coorti di nascita 2000 e 1996
anno 2011: coorte del 2001 ed i seguito ogni anno la coorte delle dodicenni.

Il vaccino sarà offerto attivamente e gratuitamente;

b) di offrire, inoltre, su richiesta dei genitori, la vaccinazione alle ragazze minorenni a partire dai sedici anni fino al compimento dei 18 con partecipazione totale della spesa, comprensiva:

a) del costo del vaccino, calcolato sulla base del prezzo definito "ex factory" (Euro 95 + !VA 10% = Euro 104,50);

b) del costo della prestazione, individuato in Euro 5,00 per ciclo, come specificato alla voce 47 "Vaccinazioni non previste dai LEA, né comprese in campagne vaccinali nazionali o regionali" del decreto n. 0143/Pres, del 16.5.2005, pubblicato sul BUR n. 22 dell'1.6.2006, recante "Tariffario delle prestazioni rese dalle Aziende Sanitarie regionali nell'interesse di terzi richiedenti in materia di igiene e sanità pubblica, medicina del lavoro, medicina legale, igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro e per le verifiche impiantistiche periodiche e straordinarie e relative disposizioni applicative".

In questo caso (b), l'inizio del ciclo vaccinale dovrà avvenire prima del compimento dei 18 anni.

Presso i servizi vaccinali aziendali NON è possibile vaccinare le donne di età superiore ai 18 anni (dai 18 anni + 1 giorno), anche se le donne arrivano con vaccino acquistato in farmacia. Dovrà essere cura di chi lo prescrive anche la somministrazione.

Rimanendo a disposizione per qualsiasi chiarimento, si inviano cordiali saluti.

IL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE
Dott. Giorgio Brianti