Circolare ASS 4 Medio Friuli

13.11.09; Prot. n. 107252/C; da: Direzione Sanitaria

Oggetto: Applicazione criteri di priorità Ecocolordoppler TSA

Ai Responsabili delle Strutture Operative Aziendali
Ospedale di San Daniele
IMFR "Gervasutta"
Distretti Sanitari
Dipartimento di Prevenzione
Dipartimento di Salute Mentale
Dipartimento delle Dipendenze
Al Responsabile Gestione del Personale Convenzionato

Ai Sigg.ri Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta

Ai Sigg.ri Medici Specialisti Convenzionati

Ai Sigg.ri Medici di Continuità assistenziale

Loro sede

 

Gli atti di programmazione regionale (DGR 288 dd. 16.02.2007 "Piano regionale attuativo del piano nazionale di contenimento dei tempi di attesa per il triennio 2006 - 2008", "Linee Annuali per la gestione del Servizio Sanitario Regionale 2009", DGR 2016 dd. 09.09.2009 "LR 49\1996, art. 22 - gestione del Servizio sanitario regionale: modifica di alcuni atti di programmazione.") prevedono che le Aziende Sanitarie implementino i programmi per la definizione e l'applicazione diffusa di un sistema di prescrizione delle prestazioni specialistiche ambulatoriali secondo criteri di priorità clinica.

Le Aziende Sanitarie della Area Vasta Udinese hanno adottato il "Programma Attuativo dell'Area Vasta Udinese per il contenimento dei tempi di attesa 2009" che prevede la definizione dei criteri di priorità per le prestazioni specialistiche ambulatoriali (vis. neurologica, vis. oculistica, vis. urologica, ecocolordoppier vasi periferici venosi e arteriosi, RMN dell'encefalo e del tronco ecefalico c.m.d.), l'applicazione dei criteri di priorità per l'ecocolordoppler dei tronchi sovraaortici (TSA), nonché la progettazione del sistema di verifica del grado di applicazione dei criteri nell'ambito della attività prescrittiva.

Per la realizzazione delle attività previste sono stati istituiti dei gruppi di lavoro interaziendali con la presenza di medici specialisti e di medici di medicina generale che hanno individuato una proposta di criteri di priorità per le prestazioni soprarichiamate, sottoposte all'attenzione delle Strutture aziendali interessate (Direzioni Mediche Ospedaliere, Distretti) per eventuali osservazioni ed integrazioni.

Per l'applicazione dei criteri di priorità dell'ecocolordoppler dei TSA, si rende necessario che le ricette con la prescrizione dell'ecocolordoppier riporti, oltre al sospetto diagnostico e\o al quesito clinico, la classe di priorità identificata dai criteri clinici come riportati nello schema allegato.

Si rammenta che il "Piano regionale attuativo del piano nazionale di contenimento dei tempi di attesa per il triennio 2006 - 2008" identifica le classi di priorità come sotto riportato:

U = urgente: prestazioni non differibili, erogate di norma entro 24 ore, accesso diretto al Pronto Soccorso o vedi nota* .

B = breve (priorità alta): il tempo di attesa deve essere inferiore o uguale a 10 giorni;

D = differita: il tempo di attesa deve essere inferiore o uguale a 60 giorni;

P = programmata: il tempo di attesa può essere superiore a 60 giorni, ma comunque inferiore o uguale a 180 giorni.

Alle SS.LL. si rende noto a partire dal 10 dicembre 2009, le agende di prenotazione verranno progressivamente organizzate in modo da prevedere gli spazi per le prenotazioni di prestazioni di cui alla classe B, e in successione per le classi D e P e si chiede che a partire dal mese di dicembre l'attività prescrittiva venga effettuata secondo queste indicazioni.

Cordiali saluti

Il Direttore Sanitario
Dr. Danilo Spazzapan

P.S: In allegato i criteri di priorità definiti

* Si precisa che per quanto riguarda il codice "Urgente", da riferirsi a prestazioni non differibili e da erogarsi in tempi brevi (di norma entro 24 ore), vale la regola che ogni azienda risponde nei tempi previsti secondo l'organizzazione interna ed il contesto locale, nel tempo sperimentati come ottimali per rispondere con appropriatezza e tempestività.